- Blog per italiani a Londra

Suggerimenti per prepararsi ad un colloquio di lavoro in inglese

Trovare lavoro al giorno d’oggi è sempre più difficile, per questo quando abbiamo l’occasione di avere un colloquio bisogna fare di tutto per fare in modo di piacere al nostro possibile datore di lavoro. Spesso sono le piccole cose a fare la differenza. Bastano pochi accorgimenti e le possibilità che quel determinato colloquio vada a buon fine sono decisamente maggiori. Il colloquio di selezione è lo strumento attraverso cui il selezionatore cerca di capire se il candidato è adatto a lavorare nell’azienda. Nello stesso tempo anche il candidato ha bisogno di verificare se quel ruolo si adatta alle sue reali esigenze.

COME PREPARARSI AL PRIMO COLLOQUIO:

  • Raccogliete qualche informazioni sul selezionatore prima di presentarsi al colloquio: cercate di conoscere il suo ruolo, in modo tale da capire che tipo di domande ti possa fare.
  • Prendete informazioni sull’azienda, il suo mercato, i concorrenti, il targeting, la cultura aziendale ed alcune informazioni finanziare come il fatturato.
  • Prima del colloquio controllate quello che avete scritto sul CV, il selezionatore generalmente lo tiene con se per farvi delle domande e chiedere dei chiarimenti su quello che c’è scritto.
  • Cercate di pensare a tutte le possibili domande che potrebbero farvi per il ruolo per cui vi siete candidati  Rileggete tante volte la descrizione della posizione lavorativa e capite se avete le competenze necessarie per ogni task che viene menzionata.
  • Preparatevi delle domande da porre al selezionatore sull’azienda e il ruolo. Anche le domande fatte dal candidato al selezionatore influenzano l’esito del colloquio. Dimostrate un interesse reale ed evitate domande troppo banali che avreste dovuto sapere controllando il sito dell’azienda prima del colloquio.

ECCO ALCUNE DELLE DOMANDE PIU’ COMUNI:

TELL US ABOUT YOURSELF
Questa è molto generica e vuole conoscere il profilo del candidato, i suoi studi, le esperienze lavorative precedenti e il carattere. Il candidato dovrà dimostrare di essere motivato e ambizioso. I recruiter inoltre vogliono mettere alla prova le vostre capacità espositive e capire a che cosa date maggiore risalto e importanza tra le vostre esperienze di studio e lavorative.

WHAT ARE YOUR STRENGHTS AND WEAKNESSES?
I selezionatori vogliono sapere l’idea che avete di voi stessi, chiaramente quello che andrete a dire non verrà considerata pura verità. Perciò il consiglio è quello di focalizzarsi al massimo su 2 o 3 punti di forza mettendoli in relazione con il ruolo lavorativo, ricorrendo molto spesso a esempi. Per quanto riguarda i punti di debolezza il consiglio è quello di rilevare difetti  che avete superato grazie alle vostre abilità e alla preparazione.

WHY SHOULD WE HIRE YOU?
Il selezionatore vuole conoscere perché il candidato sia adatto a svolgere un determinato compito. Generalmente, questa domanda viene posta perché dimostriate che le vostre competenze sono in relazione con la posizione offerta. Il consiglio è quello di dimostrare punti di coincidenza fra le vostre capacità, esperienze e ambizioni, con quelle richieste dall’azienda, sottolineando il contributo che potreste dare all’organizzazione per crescere.

TELL ME ABOUT YOUR INTERESTS
Il candidato deve dimostrare quali sono i suoi interessi al di fuori del lavoro. Questa domanda viene fatta per capire quali sono le vostre attitudini. Anche in questo caso, la miglior risposta è quella di mettere in evidenza il lato formativo e di crescita dei vostri interessi, ad esempio dire di praticare sport di squadra, che vi abbiano consentito di migliorare le vostre doti di lavoro in team.

WHERE DO YOU SEE YOURSELF IN FIVE YEARS?
Bisogna essere in grado di dimostrare di avere obiettivi chiari e definiti in linea con la posizione a cui si aspira. Abbiate in mente un percorso di carriera che tenga presenta le  vostre ambizioni, attitudini ed  esperienze personali. Non siate troppo vaghi perché questo dimostra che non avete le idee chiare. Oltre a questo, dimostratevi umili e non dite di vedervi CEO di una multinazionale nel giro di pochi anni.

HOW DO YOU WORK UNDER PRESSURE?
Vogliono capire come reagisci nelle situazioni di stress. Il candidato dovrà dimostrare la capacità di lavorare per priorità e di essere un hard worker. Quindi la cosa da fare è quella di far capire che prima di tutto vanno analizzate le priorità e poi bisogna lavorare iniziando con le cose più importanti. Oltre a questo, è importante dimostrare di essere un hard worker e quindi di impegnarsi al massimo, e nel caso fosse necessario, di lavorare oltre gli orari prestabiliti.

WHAT SALARY ARE YOU EXPECTING?
Dal momento che il salario viene discusso una volta che è stato offerto il lavoro, la miglior cosa da dire è quella di essere interessati maggiormente alla crescita professionale e che comunque il salario deve essere in linea con la posizione e il mercato.